Pubblicato il Lascia un commento

La dura vita di un “Caregiver”

Con il termine “Caregiver” si indica in gergo chi assiste un proprio caro non autosufficiente prendendosene cura quotidianamente.

header_caregiverday-1

Quello del Caregiver è un vero e proprio lavoro e spesso i carichi di stress fisico ed emotivo superano le soglie di sopportazione.

I compiti da svolgere variano notevolmente in base alla disabilità e al grado di autonomia del’assistito, ma in generale si tratta di gestire, oltre che gli aspetti logistici della vita quotidiana, quelli legati ad esempio all’igiene e all’alimentazione della persona.

La sensazione di profonda solitudine e di sconforto è quindi dietro l’angolo, ma proprio su questa sensazione comune a tutti coloro i quali assistono familiari in difficoltà si può costruire un dibattito costruttivo ed utile a superare alcuni problemi.

caregiving4

Anche quest’anno a Carpi si terrà il “Caregiver day” – giornata dedicata ai familiari che si prendono cura di un proprio caro non autosufficiente. In realtà il programma di quest’anno prevede 4 giornate e non una sola giornata. Questi i temi che saranno trattati:

Per ogni giornata, cliccando sui collegamenti, è possibile scaricare l’invito singolo in versione stampabile. In fondo alla pagina è disponibile il programma generale.

Mercoledì 28 Maggio 
Spazio Giovani Mac’e’, Viale De Amicis, 59 Carpi
14.30/18.30Workshop giovani caregiver: strumenti e metodi per prevenirne l’isolamento sociale, la dispersione scolastica e promuoverne le pari opportunità
21.00/24.00 Musica dal vivo e dj set festa dedicata ai giovani caregiver
• Scarica l’invito con il programma di questa giornata

Giovedì 29 Maggio 
Sala polivalente Casa Residenza “Il Carpine” Piazzale dei Donatori di Sangue, 1 Carpi
14.30/16.30 Workshop abbigliamento per persone non autosufficienti
16.30/18.30 Workshop stimolazione cognitiva e partecipazione sociale con tecnologie multimediali e ausili
• Scarica l’invito con il programma di questa giornata

20.30/22.00 
Auditorium Biblioteca Loria, Via Rodolfo Pio 1, Carpi (evento in collaborazione con la Libreria La Fenice di Carpi)
Presentazione del libro “Se ti abbraccio non aver paura” di Fulvio Ervas (interviene l’autore)
• Scarica l’invito con il programma di questo evento

Venerdì 30 Maggio 
Auditorium Biblioteca Loria, Via Rodolfo Pio 1, Carpi 
09.30/13.30 Convegno integrazione sociosanitaria e supporto al caregiver
• Scarica l’invito con il programma di questo convegno
14.30/18.30 Convegno lavoro di cura: emersione ed opportunità occupazionali
• Scarica l’invito con il programma di questo convegno

20.30/22.30 Testimonianza e Letture tratte dallo spettacolo ”madre di mia madre” di e con daniela poggi, attrice
• Scarica l’invito con il programma di questo evento

Sabato 31 Maggio 
Sala Mori, Castello dei Pio, Piazza dei Martiri, Carpi
09.00/13.30 Convegno finale Caregiver familiare: dal riconoscimento di ruolo all’implementazione di politiche
• Scarica l’invito con il programma di questo convegno

Cortile d’onore e Sala ex Poste del Castello dei Pio, Piazza dei Martiri e Mattatoio Culture Club, via Rodolfo Pio, 4 Carpi
15.00/18.30 Eventi culturali e laboratori attività ludiche, laboratori e punti informativi per i caregiver familiari
• Scarica l’invito con il programma di questi eventi

Scarica l’invito generale in formato .pdf

Intanto riportiamo qui i cinque suggerimenti a cura di Parkinson Italia  per “i caregiver e la cura di se stessi“:

1. Concedersi almeno 30 minuti al giorno per rilassarsi: fare ciò che più vi piace, che sia leggere, praticare giardinaggio, lavorare a maglia, fare un bagno caldo, meditare. Allevierà lo stress e solleverà il morale.

2. Esprimere i propri sentimenti: manifestare ciò che si sta affrontando è liberatorio. Se vi è difficile uscire di casa, invitate degli amici per un caffè o una cena. È importate interagire con le persone che vi stanno vicino per condividere le preoccupazioni.

3. Conservare le energie: non stressarsi per ciò che non è sotto il proprio controllo, ma concentrasi per affrontare il problema nel miglior modo possibile.

4. Mantenersi in buona salute: mangiando in modo sano, praticando esercizio fisico, dormendo per tutto il tempo necessario e svolgendo regolari check-up e visite mediche.

5. Partecipare a un gruppo di sostegno: è fondamentale per condividere problemi e  incontrare altri caregiver che affrontano esperienze simili ogni giorno.

Prendersi cura delle persone che amiamo può quindi comportare fatiche estreme, ma ogni singolo attimo profuso in un atto d’amore verso il prossimo deve essere considerato la benzina per affrontare il futuro con serenità.

Lascia un commento