Pubblicato il Lascia un commento

Alluce Valgo: chirurgia e non solo!

L’alluce valgo è una patologia comunissima e consiste nell’allontanamento della testa del primo metatarso dalle altre.

alluce_valgo1

In parole povere l’alluce valgo è una deformazione del primo dito del piede. Esso infatti invece di rimanere dritto e seguire la direzione delle altre dita, comincia a storcersi, piegandosi verso l’esterno del piede, talvolta andando ad accavallarsi con le altre dita.

Nel gergo popolare c’è chi chiama con il termine “patata” o “cipolla” la protuberanza che si forma internamente, in corrispondenza dell’inizio della deviazione dell’alluce. In realtà quel rigonfiamento è semplicemente dato dalla rotazione ossea e dalla tumefazione dell’articolazione del primo dito.

Si crea infatti una borsite che aumentando di volume inizia a battere sempre più sul bordo interno delle calzature, andando ad aumentare il dolore in modo esponenziale.

Quando i sintomi dell’alluce valgo compaiono, possono includere:

  • Dolore nella zona interessata, anche a riposo;
  • Arrossamento, intorpidimento e gonfiore;
  • Ispessimento della pelle, che appare dura e callosa;
  • Modifiche alla forma complessiva del piede;
  • Difficoltà a camminare (a causa del dolore).

Senza calcolare poi i danni indiretti, ovvero la possibile formazione di dita a martello con ipercheratosi superiore e l’insorgenza di metatarsalgia da appiattimento dell’arco metatarsale, causate appunto dall’allontanamento della testa del primo metatarso.

La causa dell’insorgere di questa patologia è quasi sempre genetica e colpisce quasi sempre le persone di sesso femminile. L’ereditarietà in realtà non è un’ereditarietà della deviazione vera e propria, ma una ereditarietà della lassità legamentosa che favorisce la formazione dell’alluce valgo stesso.

I NOSTRI CONSIGLI PER STARE MEGLIO

  • LE CALZATURE

carla-scarpa-duna

Sicuramente la prima cosa da fare per stare meglio è scegliere con oculatezza le calzature da indossare. Bisogna stare attenti ad alcune cose:

Forma della calzatura. Una calzatura è idonea quanto più la pianta è comoda, meglio se a punta larga e con una buona capienza. Scarpe a pianta stretta che finiscono a punta sono sicuramente più belle da vedere, ma creano un velocissimo acceleramento della patologia.

Materiale di fabbricazione e presenza di cuciture nella parte interna della scarpa, in prossimità della protuberanza ossea. Perchè scarpe prive di cuciture in quel punto e fatte con pelli morbide o addirittura elastiche danno un contributo enorme durante la giornata. Meno frizioni si hanno tra il metatarso e la calzatura e meno la protuberanza tenderà ad arrossare e gonfiarsi.

Altezza del tacco. L’ideale è avere un tacco di altezza compresa tra i 2 e i 4 centimetri. Eccedere causerebbe un deleterio aumento della pressione nella parte anteriore del piede. Scendere sotto i 2 invece non aiuterebbe ugualmente, in quanto si andrebbe a favorire il valgismo del retropiede che è una delle cause dell’avanzare della patologia.

Rigidità al tallone. Una calzatura con un forte rigido (il forte è il materiale di rinforzo che viene messo tra la pelle e la fodera all’altezza del tallone in una scarpa) può contenere meglio il valgismo del retropiede e quindi la tendenza della caviglia a viziarsi verso l’interno, dimostrandosi utile alla causa.

 

  • LE ORTESI DIURNE E NOTTURNE

eng_pl_Otto-Bock-510-Hallux-Valgus-Combo-Comfort-3141_1

Divaricatore notturno. Ne esistono di vari tipi, dai più rigidi in plastica ai più morbidi in tessuto elastico. Sono sicuramente le ortesi più fastidiose in quanto si utilizzano di notte e come un apparecchio per i denti tendono a portare l’alluce in ipercorrezione. Se portate con costanza e impegno possono bloccare l’incedere della patologia e dare molto giovamento alla situazione generale.

Plantari ortopedici. Se abbinati a calzature idonee possono contribuire al blocco del peggioramento dell’alluce valgo andando a spingere in sede retrocapitata per cercare di costringere le dita del piede ad aprirsi e stimolare quindi un movimento “correttivo”.

Divaricatori diurni. Separadita in tessuto, spugna o silicone, di diverse forme e dimensioni, inseriti tra l’alluce e il secondo dito, prima di calzare le scarpe, possono tenere il dito in posizione, ma risultano inefficaci se inseriti in calzature non idonee a pianta stretta perchè è sempre la scarpa a vincere sul divaricatore.

Tutti questi suggerimenti, uniti ove necessario a terapie fisioterapiche, esercizi specifici ed eventuali terapie farmacologiche antinfiammatorie e antidolorifiche, possono aiutare a scongiurare l’intervento chirurgico o almeno a ritardarlo quanto più possibile per evitare le recidive.

L’intervento chirurgico è infatti l’unico strumento in grado di correggere realmente l’alluce valgo, ma ovviamente non è consigliato in giovane età in quanto nel tempo il problema potrebbe ripresentarsi.

Per qualsiasi dubbio o chiarimento non esitate a contattarci ai nostri recapiti o commentando l’articolo o sulla nostra pagina facebook.

 

T.O. Valerio Iovino

 

La riproduzione parziale o totale è consentita solamente citando e linkando il nostro sito web.

 

Link utili: https://www.sanitariapolaris.it/prodotto/fascia-notturna-per-alluce-valgo/

 

Lascia un commento